TRIVISION


Prima di tutto: Vedere Sentire... (Video in rotazione su RockTv e Deejay Tv)



Ora che vi siete fatti un'idea di seguito troverete tutte le info sul nostro progetto musicale:

Bio.

I Trivision nascono nell’inverno del 2007, l’idea è quella di sviluppare musica inedita, una sorta di rock ipnotico/melodico.

Attuale formazione:
- Ivan Marenghi (voce e chitarra).
- Emiliano Lacrima (basso).
- Alessandro Villa (chitarra e voce).
- Edoardo Savoldi (batteria).

I primi brani del gruppo vengono composti principalmente in lingua inglese, di stampo crossover/post hardcore.
Dopo aver chiuso la stagione di date live, cresce la voglia di un rinnovo di suono e d’immagine, ecco quindi nascere dalle sperimentazioni in sala prove i primissimi brani in italiano tra i quali “Contro ogni senso”, tuttora riproposta dal vivo, che segnano una svolta decisiva delle scelte artistiche della band.
Si crea cosi un carattere più “su misura” e personale, probabilmente meno catalogabile come genere ma maggiormente definito in termini d’identità.

Dalle stesure degli ultimi brani del 2009 e dalla collaborazione con Andrea Losi (produzione) vengono registrati, presso i Massive Art Studios di Milano da lì esce il disco "Muoversi nel liquido" distribuito dalla Indeed Records.

Prosegue la serie di date, soprattutto in zona Lodi – Piacenza – Cremona – Milano. Nell’autunno passano delle selezioni ad un contest on-line grazie a dei brani caricati in rete sul portale http://soona.it. Da questo contest, organizzato da Max Carinelli della True Booking, nasce una bellissima esperienza fatta di concerti Live, servizi fotografici, un video live del concerto al Centro CLAM di Lodi montato professionalmente e un’intervista dal Dj, giornalista e fotoreporter Antonio Larizza di Lifegate Radio.

Il 2010 è senza dubbio l’anno più denso di impegni e soddisfazioni. Vengono infatti incisi nella primavera/estate del 2010 altri 7 brani a completare la track list del primo CD ufficiale, intitolato “Muoversi nel liquido” sempre presso i Massive Arts Sudios di Milano.
Riprese audio: Vincenzo Canini
Mix: Marco Barusso (tra le infinite collaborazioni Lacuna Coil, 30 seconds to Mars e molti altri).
Mastering: Alberto Cutolo (tra i vari, ha lavorato per: Litfiba, John Mc Laughlin, The Servant, Giorgio Gaber, I Nomadi e tanti altri).

trivision LP

La track list scelta per l’album è:
01.Fra le sue braccia un’altra sera
02.Involucro
03.Negativa
04.Anno 09
05.Cronotopo I
06.Cronotopo II
07.Ore riflesse
08.Zanapra
09.Fiume nero
10.Quello che non c’è
11.Venere
12.Dentro la crisi

Dalla collaborazione con Damiano Bonvini (No-Reason Records, Red car burns, Argetti, Garretti e altri), arriva il primo contratto discografico e di management. Entrano quindi a far parte del roster di Indeed!Records / IndieBox (Good for one day, Soldiers of a wrong war, Venice is for lovers ed altri), mentre la distribuzione (musica digitale e negozi) verrà affidata a Halidon.
Come ufficio stampa viene scelta la prestigiosa LUNATIK di Gian Paolo Giabini, produttore dei Verdena e direttore artistico di Lifegate-Radio.
Il concept grafico e la stampa del booklet dell’album vengono realizzate dal noto grafico specializzato del settore e fondatore del prestigioso studio Heartfelt, Jacopo Lietti (Fine before you came, the Futureheads, The Hacienda e molti altri).

Terminano inoltre, riprese e montaggio del primo video ufficiale di “Negativa” che verrà presentato da Lunatik alle TV nazionali, mentre l’uscita del disco è fissata per il 2 Novembre 2010.
Due brani estratti da “Muoversi nel liquido verranno inseriti nelle compilation XL (Repubblica) e Move Out di ottobre.

 

 

Etichetta: www.dmbmusic.it


 

Concerti svolti ultimamente

- Martedì 31 Maggio @ Festa della birra Castel Nuovo Bocca D'Adda
- Domenica 18 Settembre @ Evento CKC a Pista Go Kart  Codogno
- Mercoledì 4 Maggio @ Circolo Magnolia Idroscalo Milano
- Venerdì 29 Aprile c/o CSOA il Molino (Lugano)
- Domenica 20 Marzo @ Legend 54 di via E.Fermi a Milano
- Sabato 5 marzo @ Circolo ARCI Rivolta d’Adda (LO) in Via Garibaldi, finale contest
- Sabato 5 febbraio @ Circolo ARCI Rivolta d’Adda (LO) in Via Garibaldi, anteprima della nuova formazione con Edo Savoldi (ex Ali di Vetro) alla batteria!
- Domenica 6 Maggio @ Brembio provincia di Lodi raduno Bikers
- Sabato 22 gennaio @ Cascina Ca Nova (Guardamiglio – LO)
- Sabato 29 gennaio @ Art Cafè (Ospedaletto Lodigiano – LO)
-
Sabato 18 dicembre @ KO Pub (Rivolta d’Adda – CR)
- Venerdì 3 dicembre @ CLAM (Lodi)
- Venerdì 26 novembre @ J Caffè (Livraga – LO) w/ Red Car Burns
- Sabato 20 novembre @ Milleluci (Zavattarello – PV)

Prossimi conerti:

Sabato 19 Maggio @ FESTA DELLA BIRRA CornoGiovane provincia di Lodi (info: 335/8168748 anche via sms)

Domenica 27 Maggio @ Parco Sempione Skaters nel pomeriggio. Suonano con noi anche "Head in Pollution"

 

Info e contatti:

M. www.myspace.com/trivisionitaly
E.  info@trivisionband.it
T. +39 393 9128109 (Andrea Losi, produzione)

 

Dicono di noi:

Rockit. Chiara Longo Dicembre 2010
I Trivision da Lodi alla loro opera prima “Muoversi nel liquido” centrano l’obiettivo con un disco dal sound affascinante e ben focalizzato. La formula è abbastanza nota, linee melodiche post-emo con controcanti dal sapore epico a là Linkin park su duri riff di chitarra estremamente compatti, che variano dall’alternative metal degli A perfect circle al puro metal di brani come “Cronotopo II”. I brani più melodici quali “Ore riflesse” e il riuscitissimo pezzo d’apertura “Tra le sue braccia un’altra sera”, sicuramente il più gradevole e sfacciatamente orecchiabile, o la ballad “Fiume nero”, ulteriormente addolcita dai cori di una voce femminile sottile e trasognata, donano al disco le necessarie pause per gustare al meglio i momenti più violenti senza risultare dei semplici riempitivi. Interessante la sequenza dei “Cronotopo I” e “Cronotopo II” dove la prima traccia crea un continuum liquido dai colori malinconici, mentre la seconda ne rappresenta l’evoluzione in senso metal.
La voce, si diceva, è per lo più pulita, provata in alcuni snodi melodicamente importanti da un legger screma, nel complesso gradevole, ma a mio parare dal timbro troppo squillante per il genere prescelto. L’unica cosa che si può rimproverare ai Trivision è, appunto, una certa staticità e ripetitività del cantante, che non gode di una grande estensione e tende a utilizzare dei moduli melodici rendendo i brani simili tra loro: sarebbe più adatto ad una genere più leggero, e manca inoltre di un carattere distintivo che sfrutti la sua particolarità per divenire speciale in questo contesto. Nel contesto una solida opera prima, molto compatta e concentrata, certo da migliorare ma i Trivision sono sulla buona strada.

Rumore #266. Domenico Mungo - Novembre 2010
Impatto Frontale decisamente aggressivo quello che depositano sul fondo questi Trivision, lodigiani di acciaio e melodia. Un buon connubio di suoni metallizzati, power-oriented, infarciti di melodie post-emo abbastanza consuete ma dosate con intelligente equilibrio. Riescono ad essere credibili, parlando di amore e dolore, sebbene la sensazione che evocano al primo ascolto appaia quella di aver semplicemente tradotto in italiano liriche provenienti dall’arcipelago neomelodico post punkmetal d’oltremare. Le acrobazie vocali del frontman, in bilico tra ovvi altrernarsi di screamo moderati e puliti sinuosi, sono gradevoli e mai forzati, gli arrangiamenti sono limpidi, così come i suoni, nel complesso di un lavoro che non sovvertirà il futuro della scena indipendente italiana, ma che colloca i Trivision all’interno di un contesto sovente per il sottoscritto, deprimente, come una realtà musicale superiore alla media. Anno 09, la titletrack Muoversi nel Liquido, Dentro la Crisi e l’incedere iniziale alla war pigs di Cronotopo I, sono sicuramente alcuni degli episodi più incisivi del disco. Muoversi nel liquido con agilità per non essere sommersi dall’oblio dei molti.

MetalHammer#11 Marcello Lorenteggio - Novembre2010
Premessa d’obbligo. Questa è una band che non è un “classico da Metal Hammer” ma appartiene al mondo rock che ama (da molte persone, giornalisti, scrittori, poeti di strada, musicisti, artisti o semplici fruitori musicali ma non dal sottoscritto, ormai non più giovincello…) essere definito “trasversale” o in tempi meno recenti “alternativo”. Giochi di parole per raccogliere musica e suoni non proprio standardizzati ad un genere costretto in una scatola di fiammiferi. L’esordio dei Trivision porta già nel titolo “Muoversi Nel Liquido” il significato, se si vuole, della loro musica. Identità separate che cercano un’amalgama, nuotando attraverso correnti a volte placide e geometriche (A Perfect Circe) altre più movimentate ma sinergiche (30 Second To Mar set simila). Melodie cantate in Italiano, che fanno eco a decine di altre bands che negli scorsi anni hanno dato uno scossone alla scena rock Italiana, seguendo le orme e i dettami sonori di alcune “collegeband” americane. I Trivision non sono però fumo (e niente arrosto) hanno impatto, vivacità e anche una sobria eleganza di arrangiamento, soprattutto nei brani più intimisti e meno “saltellanti”. Ottima produzione, che non guasta mai, per un prodotto che merita l’attenzione di coloro che seguono questo, ormai ampio, movimento rock made in Italy.

   
 

Scheda Tecnica:

L'immagine è puramente indicativa della formazione ideale con cui vorremmo suonare dopodichè ci si adatterà alla situazione palco del locale. La disposizione degli amplificatori verrà decisa al momento seguendo le necessità del palco.
Quello che chiediamo sono:
- 2 microfoni voce
- microfonazione batteria (Composizone: Cassa, Tom, Floor tom, Rullante, 2 Crash, Ride, Charleston, China)
- almeno due spie
- impianto di amplificazione + mixer
Nel caso mancasse qualche elemento sopracitato avvisateci che potremmo provvedere noi.
Altri dati: il batterista NON è mancino, la band è composta da 1 batterista, un bassista, un chitarrista cantante principale, un chitarrista corista